Risorse Umane

Qual è il giorno migliore per licenziare un dipendente?

La tempistica delle cessazioni del rapporto di lavoro è cambiata con la tecnologia

A un uomo vengono offerti dei fazzoletti mentre imballa le sue cose

•••

Glow Images, Inc./Getty Images



SommarioEspandereSommario

Qual è il giorno migliore per licenziare un dipendente, chiedi regolarmente ai lettori? Con i progressi della tecnologia e la proliferazione delle opportunità di ricerca di lavoro online, la risposta a questa domanda è cambiata in modo significativo nel tempo. Il enfasi sulla rete trovare un lavoro ha anche cambiato il mercato della ricerca di lavoro così come la capacità utilizzare i social media per connettersi e costruire relazioni. Anche il supporto online per le persone in cerca di lavoro continua a crescere ogni anno.

Contesto sulla cessazione del rapporto di lavoro tradizionale

Tradizionalmente, il giorno migliore per licenziare un dipendente era a metà settimana. Ciò ha consentito al dipendente di avviare una ricerca immediata di lavoro, presentare una richiesta di assicurazione contro la disoccupazione e stabilire date con la propria rete, tutto ciò era difficile da fare durante il fine settimana.

Alcuni datori di lavoro hanno sempre licenziato i dipendenti il ​​venerdì perché era conveniente per il libro paga e l'azienda, ma non particolarmente amichevole per il dipendente. L'impiegato licenziato avrebbe tutto il fine settimana per rimuginare sull'azienda e sul licenziamento e avrebbe poco da fare per andare avanti nel fine settimana.

È ancora importante sviluppare un solido caso per licenziare un dipendente e per sviluppare la documentazione di supporto. È comunque importante comunicare in modo efficace con il dipendente in ogni fase del processo, dall'insoddisfazione sul lavoro fino alla cessazione del rapporto di lavoro è la soluzione migliore per correggere problemi di prestazione .

Il dipendente merita una comunicazione schietta che progredisca nel senso di urgenza che viene veicolato. È ingiusto e immorale prendere alla cieca un dipendente quando il suo rapporto di lavoro viene interrotto. Forse la tempistica esatta è sempre una sorpresa, ma le ragioni avrebbero dovuto essere discusse nel tempo, a lungo e per iscritto con il dipendente. Nessuna sorpresa gradita.

Come licenziare un dipendente

Il dipendente dovrebbe sempre sapere che sta arrivando la cessazione del rapporto di lavoro. Anche in caso di licenziamento, la direzione avrebbe dovuto comunicare i problemi e le problematiche che l'azienda stava vivendo in modo che i dipendenti non fossero completamente presi alla sprovvista. I problemi di prestazione che portano alla cessazione del rapporto di lavoro devono sempre essere chiaramente compresi dal dipendente.

A piano di miglioramento delle prestazioni (PIP) potrebbe persino diventare il tuo strumento di comunicazione di ultima istanza nei tuoi sforzi per comunicare con un dipendente. Sfortunatamente, non tutte le organizzazioni utilizzano un PIP in modo appropriato e quindi hanno sviluppato un'immagine gravemente negativa. Ma un PIP, usato correttamente, è un forte strumento di gestione e miglioramento delle prestazioni. Il dipendente non può nutrire la convinzione che un problema non esista.

Un PIP non è sempre in ordine. Ad esempio, nel caso di un manager con scarso rendimento con un atteggiamento negativo, potresti aver perso fiducia nella sua capacità di gestione. E, a causa della loro posizione, la negatività colpisce troppi altri dipendenti per aspettare di licenziare il dipendente.

In un secondo esempio, tu e il mentore del dipendente avete formato e riqualificato il dipendente ripetutamente nell'arco di tre mesi e il dipendente non è ancora in grado di svolgere gli elementi essenziali del proprio lavoro. È ora di lasciarli andare perché sai già che il dipendente fallirebbe qualsiasi PIP. Non torturare il dipendente se non hai fiducia nel suo eventuale successo.

Nessun PIP risolverà questi problemi di prestazioni. A volte, è meglio lasciare andare il dipendente anche se devi fornire di più TFR per evitare potenziali azioni legali. È più conveniente per il datore di lavoro a lungo termine.

Licenziare una persona perché è un dipendente a volontà lascia molto a desiderare, anche se alcuni datori di lavoro lo fanno ancora.

Quando licenziare un dipendente

Licenziare un dipendente quando è stata presa la decisione che è necessaria la cessazione del rapporto di lavoro. Preferibilmente, questa decisione viene presa a metà settimana, all'inizio della giornata di martedì, mercoledì o giovedì.

Questo dà al dipendente alcune ore di lavoro durante la settimana e lui o lei non si sente come se avesse perso tempo a venire al lavoro, cosa che accade quando licenzi un dipendente lunedì.

Il venerdì è una brutta giornata per licenziare un dipendente poiché così tanti passi successivi sono difficili da compiere nel fine settimana. Tuttavia, alcuni specialisti della risoluzione del rapporto di lavoro suggeriscono che licenziare un dipendente il venerdì porti a un minor numero di incidenti perché il dipendente è fuori ufficio. Puoi fare in modo che ritirino i loro beni durante il fine settimana invece di riportare il dipendente nella loro normale area di lavoro.

Evita incidenti e sconvolgi i colleghi chiedendo al dipendente di incontrarti fuori orario per ritirare i suoi articoli. Ottenere tutte le chiavi di accesso o le apparecchiature aziendali, l'elettronica e i materiali di proprietà dell'azienda prima che il dipendente esca per casa. Utilizzare questo elenco di controllo per la fine del rapporto di lavoro come guida.

Fornisci uno spazio tranquillo e privato se il dipendente è arrabbiato o piange. Sempre trattare il dipendente con rispetto e in maniera dignitosa.